fridaNel 2007 ricorreva il centenario della nascita di Frida Kahlo, ma i festeggiamenti continuano ancora in grande: in Messico è stata raffigurata sulla banconota da 500 pesos e vengono continuamente organizzate mostre e visite alla casa Azul, ma il nome e il volto di Frida continuano a fare il giro del mondo e a conquistare sempre più con la sua appassionante storia.

Un contributo fondamentale all'incremento della popolarità della pittrice messicana è stato dato da "Frida Kahalo Corporation", l'azienda che è stata costituita dalla nipote per preservare la sua immagine. Un logo molto semplice che riporta il suo nome e un claim che entusiasma le più patite: "La pasión por la vida". Entrambi finiti stampati su alcuni modelli di t-shirt dell'ultima collezione di Zara. Tre variazioni sul tema che nei negozi sono già sold out: colorata con uno dei suoi celebri autoritratti, nera con una fotografia in bianco e nero, beige con una foto seppia, tutte e tre lunghe e perfette con leggings, jeans e shorts. Grazie a questa partnership, le fan di Frida potranno "indossarla" senza dover rinunciare ad un bel modello e ad un bel tessuto - un compromesso a cui spesso si deve cedere per ostentare il proprio beniamino – e con un prezzo accessibilissimo: 19.90 euro.

In linea teorica, scegliere di accostare ai propri prodotti un'immagine forte come quella di Frida rappresenta una precisa scelta di marketing ma Zara non è un marchio di lusso come Dolce e Gabbana che ha stampato sulle sue t-shirt la modella Naomi Campbell, ma non è nemmeno H&M. Il brand low cost svedese ha una strategia molto differente ed è celebre per il "masstige", "mass market" e "prestige", ovvero l'alleanza di una marca prestigiosa e di una marca di consumo di massa. Zara punta pochissimo sulla comunicazione e investe quasi zero sulla pubblicità: un episodio eccezionale o un cambio di strategia?

Negli anni scorsi, la "Frida Kahlo corporation" ha concesso la licenza per la compagnia di bandiera messicana che ha dedicato un aeromobile della flotta, per una linee di prodotti naturali, per una tequila e una cerveza, per una bambola. Quanto all'abbigliamento e accessori, prima di Zara è arrivata solamente Converse: nel 2008, in un'edizione limitata, ha inserito tre modelli dedicati alla passionale artista.