Avv. Elisabetta Buisuito: “Importante occasione per poter fare un primo bilancio multidisciplinare sul novum normativo”

Il nuovo Codice della crisi d’impresa e dell'insolvenza contenuto nel D.Lgs. n. 14/2019 ha sostituito la precedente legge fallimentare segnando una svolta prospettica e concettuale che pone le sue basi su prevenzione, semplificazione, misure premiali e tutela dell’occupazione. Districarsi tra le nuove direttive, i cambiamenti e le opportunità non è però semplice. Ed è proprio con l’obiettivo di mettere a fuoco e orientare le diverse figure professionali che l’Associazione Professionisti Risanamento Imprese (A.P.R.I.) ha organizzato, in collaborazione con l’editore Wolters Kluver, il convegno dal titolo “Il nuovo Codice della Crisi: quali prospettive?” che si terrà il 4 e 5 novembre presso la Sala Estense del Comune di Ferrara.

Saranno analizzate, secondo l’ottica del professionista e dell’imprenditore, le misure contenute nel nuovo Codice, generalmente orientate alla precoce emersione della crisi e alla conservazione dei valori aziendali. Un parterre di autorevoli relatori provenienti da diversi background professionali dibatterà della continuità aziendale quale elemento da preservare e tutelare e da ricercare attraverso un adeguato assetto organizzativo, amministrativo e contabile. Particolare attenzione sarà posta sul piano industriale quale strumento fondamentale per cogliere i segnali di crisi e gestire il recupero dell’economicità e della solvibilità aziendale.

A circa sei mesi dall’entrata in vigore del nuovo Codice della Crisi di Impresa e dell’Insolvenza, il Convegno organizzato dall’Associazione Professionisti Risanamento Imprese è sicuramente un’importante occasione per poter fare un primo bilancio multidisciplinare sul novum normativo e sui mutamenti dallo stesso apportati sia in materia fallimentare, che nel campo del diritto civile, commerciale e, per quanto di mio più diretto interesse, penale”, afferma l’avv. Elisabetta Busuito, founding partner dello studio Perroni e Associati, relatrice della tavola rotonda sul sistema di allerta e tra gli autori del volume “Fallimento e crisi d’impresa” (Wolters Kluwer). “Numerosi professionisti di primo livello, fra cui avvocati, magistrati, dottori commercialisti, esperti contabili e professori universitari, si confronteranno sul tema e ci aiuteranno a capire quale è lo stato dell’arte della nuova disciplina, grazie anche al prezioso intervento di coordinamento dal dott. Renato Rordordf, che, nella sua qualità di Presidente della Commissione Ministeriale per la Riforma, ci offrirà il prezioso punto di vista del Legislatore, consentendo così a chi vorrà essere presente di avere un aggiornamento ad ampio raggio sulle modifiche introdotte”, conclude l’avv. Busuito.

Tra i relatori, oltre al già citato Renato Rordorf, anche il Prof. Umberto Galimberti, giornalista e ordinario di Filosofia della Storia presso l’Università Ca’ Foscari di Venezia, Andrea Panizza, presidente di A.P.R.I., Luciano Panzani, presidente della Corte d’appello di Roma.

La due giorni, che gode del patrocinio, tra gli altri, del Comune di Ferrara e di Confindustria Emilia, è rivolta alle seguenti categorie professionali: avvocati, dottori commercialisti ed esperti contabili, consulenti del lavoro, curatori fallimentari, responsabili e impiegati di uffici legali, di aziende e istituti di credito, consulenti aziendali, CFO, amministratori e manager d’impresa.