Le terapie con farmaci ad azione diretta anti-Hcv eliminano completamente il virus dell'epatite C in oltre il 96% dei pazienti trattati. Con oltre 180mila trattamenti, l'Italia può vantare una delle più vaste esperienze in questo ambito.


Il direttore del Centro nazionale per la Salute Globale dell'Istituto Superiore di Sanità (Iss) Stefano Vella ha commentato « L'Italia ha raggiunto il primo target dell'Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms) dell'eliminazione dell'Hcv: quello della riduzione al 65% delle morti collegate all'epatite C». Vella aggiunge « Stiamo andando verso il raggiungimento degli altri obiettivi Oms di eliminazione Hcv a patto di mantenere alto il numero dei pazienti trattati».


Oggi presso la sede dell'Iss a Roma, nel convegno organizzato dalla Società italiana di malattie infettive e tropicali (Simit) e dalla Aisf, l'Associazione italiana per lo studio del fegato, si discuterà dei risultati della terapia contro l'epatite C Durante il convegno sarà presentato lo studio Piter, la piattaforma nata nel 2014 per studiare l'effetto del trattamento dell'infezione dal Virus dell'epatite C con farmaci antivirali ad azione diretta (Daa) e informare le istituzioni sulle politiche sanitarie più appropriate. I pazienti arruolati sono un campione di oltre 11.000 individui in cura, seguiti per 5 anni.


Nel corso dell'incontro saranno resi noti i risultati sulla cura dell'infezione da Hcv: dati sull'efficacia dei farmaci in pazienti non selezionati come nei trial clinici, anche con altre patologie, e che assumono farmaci concomitanti. Saranno presentati inoltre i dati che riportano come l'eliminazione del virus si confermi altamente efficace nel ridurre anche altre comorbidità nei pazienti trattati con antivirali ad azione diretta Daa.


Loreta Kondili, responsabile scientifico della piattaforma Piter dichiara «Raggiungere gli obiettivi attesi dall'uso di farmaci antivirali è legato non solo alla loro elevatissima efficacia e all'ottimo profilo di sicurezza, ma anche allo sviluppo di ricerca appropriata per valutare il loro impatto alla vita reale in un contesto specifico epidemiologico come quello italiano, che ha mantenuto il primato di alta prevalenza in Europa per l'infezione da Hcv»